contatti_header

Nel piano Marmolada lo stop allo sci estivo”

La rinuncia allo sci estivo, la semplificazione della rete di impianti, il risparmio di acqua ed energia nelle attività sciistiche e il rilancio dell’intera montagna con i parametri di qualità e di rispetto della Convenzione delle Alpi e dell’Unesco.
Dopo lo stop all’eliski, ci sono tutte queste opzioni, e altro ancora, nell’innovativo piano d’area e di sviluppo concordato dall’associazione ambientalista Mountain Wilderness e della Società Marmolada srl, che gestisce gli impianti sulla «regina delle Dolomiti». È il piano (trasmesso a Provincia, Regione Veneto, Comuni di Canazei e Rocca Pietore, Comun general e Comunità montana) che in Fassa indica una nuova strada collaborativa, e che l’ambientalista Luigi Casanova e l’imprenditore Mario Vascellari presenteranno venerdì alle 11 a Pedavena, indicando le linee del futuro sviluppo della Marmolada secondo i principi condivisi della tutela ambientale e paesaggistica dell’intero gruppo. «Un passaggio significativo, sia dal punto di vista culturale che sociale – annunciano i firmatari dell’accordo – di un innovativo percorso che parte del mondo imprenditoriale e dell’associazionismo ambientalista alpino hanno condiviso».
«Condividiamo le posizioni del Comune di Canazei sulla necessità di un intervento strutturale sulla strada della Fedaia, per garantirne l’apertura – premette Casanova – e quella sul riordino dei parcheggi alla base della diga. Riteniamo necessario un collegamento leggero fra versante trentino e veneto della montagna – continua – e conveniamo sul riordino paesaggistico, con l’eliminazione del tunnel verso il ghiacciaio e dell’impianto di Sass del Mul. Il risparmio energetico è poi alla base delle attività sciistiche, mentre riteniamo valide le linee della Provincia di Trento sulla valorizzazione: il patrimonio della Grande guerra, l’impianto idroelettrico, la ciclabile attorno al lago». Infine, la Marmolada dovrebbe entrare in rete con le aree protette dolomitiche del patrimonio Unesco, attraverso un «corridoio ecologico» secondo le linee della rete europea Natura 2000. «C’è un comune obiettivo, la qualità dell’ambiente e dell’offerta turistica – commenta l’ingegner Vascellari – che nasce da due approcci opposti. Una volta capito questo abbiamo lavorato con discreto impegno e riteniamo il risultato un’ottima sintesi».
«Un capitolo – informa poi Casanova – è dedicato alla formazione e ai servizi, ed è volto ad allargare la stagione di lavoro degli operatori; nel capitolo sulla valorizzazione e il marketing indichiamo poi il distretto culturale della Marmolada per la ricostruzione della sua storia e del patrimonio identitario. Questo è un accordo fra privati – conclude – ora c’è bisogno di concertazione». La palla, insomma, deve necessariamente passare alle istituzioni: Comuni, Comunità, Provincia e Regione.