contatti_header

E slitta di una settimana pure l’apertura dell’impianto Graffer

CANAZEI. E’ slittata dal 19 al 26 febbraio, per problemi di collaudo, l’apertura della cestovia del Passo Fedaia. Un contrattempo, per chi non vedeva l’ora di lanciarsi lungo discese “regali”. Un danno, l’ennesimo, per gli operatori della Marmolada che dipendono in gran parte dall’impianto e si ritrovano una settimana in meno di lavoro nel mese dello sci per antonomasia (e non è il primo anno che accade). Si riduce così una stagione già corta (di solito da metà febbraio a maggio, per caduta valanghe e chiusura a singhiozzo della ss 641) sul versante trentino della Regina. Mentre, a due passi, in Veneto gli sciatori affollano le piste da dicembre. Un peccato, se si pensa che le discese più esaltanti, quelle dal sapore d’altri tempi, sono in Val di Fassa: le “rosse” Col di Bus e Pian Fiacconi (6 km). La gestione a volte “scostante” della storica cestovia Graffer (la cui direzione in questi giorni risulta incontattabile) ha creato, nel tempo, difficoltà a chi, sul sito Unesco, ha un’attività. Comprensibile l’amarezza di Guido Trevisan, del Rifugio Pian dei Fiacconi (2626 m): «Abbiamo programmato l’apertura venerdì scorso, in base a quella dell’impianto che, per ora, ci ha piantati in asso. In tutte le mappe siamo segnalati come rifugio servito da un impianto su cui non possiamo sempre contare». Non è un segreto che sul valico ci sia chi spera che la cestovia chiuda, sulle orme dell’azienda d’impianti a fune Graffer, e se ne installi una nuova. Perché nei rifugi, nonostante i disservizi, le prenotazioni ci sono. La Marmolada, per la sua fiera bellezza e forse pure per il turismo poco intensivo, ha molti estimatori. È la Mecca di sci alpinisti e talenti mondiali dello speed riding (parapendio e sci) che 19 e 20 marzo si ritroveranno qui per il “Memorial M. Schivari”. Non solo, è l’oasi degli irriducibili dello sci alpino, che quest’anno si godranno Pasqua e 1º maggio (chiusura) tra quelle nevi che forse ancora per poco, per via del clima, si potranno chiamare perenni.